ASACOM Catania: domande e risposte

Di cosa si tratta?

L’Assistente alla comunicazione e all’autonomia (Asacom) è una figura professionale regolamentata dall’art. 13 Legge 5 febbraio 1992 n. 104 inerente “l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate” (cfr. link utili).

Qual è il rapporto con il corpo docenti?

Si tratta di una figura fondamentale al fine di favorire l’integrazione socio-culturale dell’alunno con disabilità all’interno del proprio percorso scolastico. L’Asacom non sostituisce né tanto meno giudica l’operato delle insegnanti di classe o dell’insegnante di sostegno ma, al contrario, collabora e co-costruisce con loro un piano individualizzato con obiettivi personalizzati. La collaborazione tra Asacom e insegnante di sostegno, in primis, e tra Asacom e corpo docenti rappresenta la chiave di volta per l’integrazione scolastica dell’alunno con disabilità.

In particolare, l’Asacom mette a disposizione le sue competenze specifiche al fine di favorire la crescita dell’alunno con disabilità, soprattutto nelle sfere dell’autonomia e della comunicazione con i pari e con le insegnanti, non entrando nel merito della programmazione didattica.

“È funzionalmente distinta e non sostitutiva dell’attività didattica dell’insegnante di sostegno della scuola” (pag. 2)

“La figura dell’assistente non è alternativa a quella dell’insegnante di sostegno, ma complementare.

L’assistente non può sostituire l’insegnante di sostegno, unico soggetto deputato alla didattica.” (pag. 7)

Regolamento per il servizio Asacom del Comune di Catania (cfr. link utili)

Qual è il rapporto con la famiglia?

Attualmente, il Comune di Catania e i comuni limitrofi sostengono le famiglie fornendo tale servizio. Per usufruirne, le famiglie hanno il diritto di scegliere a quale ente accreditato al servizio o a quale operatore rivolgersi, previa richiesta da parte dell’Istituto Scolastico assieme all’Unità Territoriale di NPI di appartenenza. Solitamente, i criteri di scelta seguiti dalle famiglie riguardano la conoscenza della patologia, l’esperienza nell’ambito riabilitativo, la formazione e, per ultimo ma forse più importante di tutti, la disponibilità a creare un clima lavorativo basato sulla collaborazione scuola-casa, insegnanti-famiglia, ovvero sulla possibilità di far circolare le informazioni tra “dentro” e “fuori”. Si tratta di criteri comprensibili che, spesso, devono essere condivisi in modo esplicito sia con le insegnanti sia con l’Asacom.

Anche io sono diventato/a Asacom… e adesso che faccio?

In quanto figura professionale volta ad un’assistenza specialistica e qualificata nei confronti di soggetti con disabilità fisica, psichica e sensoriale, essere Asacom non può essere improvvisato. E’ indispensabile avere una formazione specifica per il tipo di disabilità con cui si andrà a lavorare. Non si tratta solo di avere delle conoscenze sul tipo di patologia, ma anche di essere in grado di programmare delle attività e di elaborare delle procedure basate su principi scientificamente validi che siano personalizzate e modellate sulle esigenze del bambino, delle insegnanti, dei genitori, del gruppo classe..

Poiché  le richieste, le necessità e le situazioni con cui l’Asacom si trova a contatto ogni giorno sono tante e sfaccettate, può essere utile (se non indispensabile) confrontarsi con altri colleghi più esperti e interrogarsi sulle criticità incontrate con un supervisore che possa indirizzare il lavoro o fornire spunti di riflessioni importanti. E’ possibile che siano le famiglie stesse a indirizzare l’operatore verso un supervisore di fiducia, con l’obiettivo di coordinare il lavoro tra il contesto scolastico e quello riabilitativo, oppure è possibile rivolgersi autonomamente ad enti di formazione o professionisti esterni.

Cosa può offrire A.P.S. Nasininsù?

L’équipe di Nasininsù mette a disposizione le proprie competenze sulla psicologia dello sviluppo, la psicologia scolastica, la psicologia di salute e di comunità e sull’Analisi Applicata del Comportamento (Applied Behavior Analysis – ABA) a favore degli operatori Asacom del territorio di Catania e comuni limitrofi.

L’associazione intende fornire la propria sede per la creazione di uno spazio di dibattito, confronto, sostegno e crescita professionale a tutti coloro che almeno una volta nella loro pratica lavorativa a scuola si siano chiesti: sto facendo bene? come posso migliorare quello che sto facendo per raggiungere i miei obiettivi? quali sono le strategie più efficaci per favorire l’apprendimento? …..

Il servizio sarà attivo a partire da Settembre presso la nostra sede in Via del Fasano, 16 B a Catania (San Giovanni Galermo).

Per informazioni e adesioni scrivi a: info@nasininsu.it

 

Link Utili:

Per leggere l’art. 13 Legge 5 febbraio 1992 n. 104: http://www.handylex.org/stato/l050292.shtml

Per leggere il Regolamento Asacom del Comune di Catania:  http://www.autismo.net/images/pdf/regolamentoASACOMct.pdf

0

Leave a Comment